Farmacista e biologo nutrizionista: non si puo’ fare.

L’ingresso del biologo tra le professioni sanitarie introduce una nuova incompatibilità per i farmacisti, purtroppo confermata dalla FOFI. L’auspicio è che i nostri rappresentanti si muovano affinchè tale iniquità possa essere risolta al più presto, arrivando ad una modifica dell’articolo 102 del TULS.

La FOFI ha risposto a quanti si chiedevano se fosse possibile esercitare come farmacisti e biologi nutrizionisti.

Recentemente ci siamo occupati della mancata riforma dell’articolo 102 del TULS, che impedisce ai farmacisti di esercitare una seconda professione sanitaria. Molti farmacisti con la doppia laurea esercitano già come biologi nutrizionisti, e si sono chiesti se l’ingresso del biologo tra le professioni sanitarie costituisse una nuova incompatibilità. Purtroppo oggi è arrivata la risposta negativa dell FOFI, che pure tramite il suo presidente dottor Andrea Mandelli esprime profondo rammarico per tale situazione. Pubblichiamo di seguito il parere.

 

A questo punto, noi di Farmacisti Al Lavoro auspichiamo che le nostre istituzioni mettano in campo tutte le loro energie per risolvere rapidamente questa iniquità, che danneggia tutta la categoria ed in particolare quei collegi che si sono spesi per ottenere una seconda laurea che una nuova normativa impedisce loro di sfruttare come meriterebbero.

12 pensieri riguardo “Farmacista e biologo nutrizionista: non si puo’ fare.”

  1. ahahahaha ennesima dimostrazione di quei buffoni che operano dall’alto della nostra categoria in palese conflitto d’interessi. Non aspettetavi soluzioni nell’immediato! Ma lo volete capire o no che è tutto studiato per spingere i laureati a non uscirne dal sistema?!!

  2. Alla luce di queste evidenze legislative contrarie al cumulo di professioni sanitarie ,riferendoci in modo particolare alla professione di nutrizionista ,non ci resta che abilitare il farmacista come il biologo alla professione di farmacista-nutrizionista. Poichè il curriculum formativo universitario del biologo( e anche del medico )non hanno le peculiarità superiore a quella del suddetto nella nutrizione, visto che il farmacista per consuetudine è stato insieme al medico il nutrizionista di riferimento nel tempo che usa l’alimento come un farmaco anche in relazione alla terapia farmacologica del paziente nello stato di patologia ,quindi è opportuno inserire nell’abilitazione la competenza nutrizionale specifica generale.

  3. Probabilmente solo quando l’ordine professionale dei farmacisti vedrà migrare colleghi iscritti verso ordine Nazionale dei Biologi si preoccuperà del problema. Perché la scelta se diventa obbligatoria è sicuramente ovvia… Libertà di pensiero sempre e non relegati come schiavi a vendere prodotti “ da consiglio”.
    L’etica muore
    MT

    1. Quanto hai ragione….
      Cambierà mai qualcosa? La nostra laurea la potremo far fruttare sul serio..
      Sono un giovane laureato e già del tutto scoraggiato dal futuro

  4. Scusate ma nel ddl Lorenzin viene riportato espressamente che il cumulo è ammesso all’interno della farmacia tranne per le categorie prescrittive quali medici, odontoiatri e veterinari.
    Non capisco questa risposta e questo articolo.
    Ribadisco che se l’Ordine continua così è destinato a chiudere, evidentemente è quello l’intento dello Stato!

  5. SPERO IN UNA INVERSIONE DI TENDENZA. CHE CON LA NUOVA LEGISLATURA MODIFICHI L’ART. 102 DEL TULS. E’ DAVVERO DI UN’INDECENZA UNICA IMPEDIRE AI FARMACISTI L’ESERCIZIO CONTEMPORANEO ANCHE COME NUTRIZIONISTI. CARI COLLEGHI RICORDATEVI DI CHI NON HA TENUTO CONTO ANCORA UNA VOLTA DI QUESTA MODIFICA.

  6. Non ha senso tutto questo perchè IL FARMACISTA PUO’ ELABORARE LE DIETE, come confermato dalla sentenza n. 20281 del 28 aprile 2017 della Suprema Corte di Cassazione che fa giurispudenza!
    La sentenza è chiara! Nella storia il farmacista lo ha sempre fatto, prima ancora che nascessero i biologi
    Basta con le chiecchiere!
    Perchè le sentenze sono applicabili ai biologi e non ai farmacisti?
    BISOGNA APPLICARE LA SENTENZA!

  7. Seguendo questo commento per la legge della transitivita’ se il farmacista può fare le diete …… il biologo farmacista può fare lo stesso……o no????

  8. Una domanda secca. Un biologo nutrizionista non farmacista, tramite giornate mirate di consulenza alimentare, e senza prescrivere integratori, ma solo info sanitare e prevenzione, può essere presente in farmacia?
    Grazie per la risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *