Farmacie online, LegitScript: «In Cina una su due è illegale»

Un rapporto di LegitScript relativo al mercato cinese rileva che la maggior parte delle farmacie online opera illegalmente.

Venditori di medicinali che operano illegalmente e farmaci venduti online senza alcuna prescrizione. Sono gli aspetti di maggior rilievo che emergono dal rapporto «The Chinese Internet Pharmacy Market Threat Assessment», curato dall’azienda americana LegitScript e da Asop Global, fondazione impegnata a educare i consumatori sulla proliferazione di siti Web di farmacie illegali e medicinali contraffatti. L’analisi ha rilevato che il 57% dei venditori di farmaci online in Cina opera illegalmente, trascurando gli aspetti normativi e le leggi che regolamentano il mercato cinese. Il lavoro ha messo in luce che i farmaci con prescrizione e le sostanze soggette a specifica legislazione sono venduti online senza che venga richiesta una prescrizione. Inoltre, ha evidenziato che i venditori cinesi basano fortemente il loro operato su piattaforme di terze parti, come WeChat, per completare le transazioni, invece di elaborare gli ordini direttamente attraverso i propri siti Web.

Nel complesso, LegitScript prevede che la tendenza delle vendite illecite di farmaci online su app basate su smartphone proseguirà anche nel futuro. Solo grazie ad un intervento di formazione diretta al pubblico si potrebbe sensibilizzare i pazienti cinesi a comprendere meglio i rischi connessi all’acquisto online di farmaci con prescrizione. Nel luglio del 2017 LegitScript aveva fatto sapere che nel solo secondo trimestre dell’anno erano stati sospesi circa 6.000 domini di false farmacie online. Un fenomeno che riguarda il mondo intero e che «è stato possibile far emergere grazie alla collaborazione con provider negli Stati Uniti, in India, in Olanda e in molti altri Paesi».

«Le farmacie online illecite – aveva spiegato LegitScript – stanno faticando sempre più a registrare i loro siti, dal momento che per loro è difficile trovare dei provider che scelgano di non rispondere alle nostre notifiche di possibili abusi».

© Riproduzione riservata