Dipendenza da oppioidi, in Francia restrizioni per uso di tramadolo

Al fine di limitare uso improprio e i rischi di dipendenza, l’Agenzia del farmaco francese ha deciso di limitare l’utilizzo dei farmaci a base di tramadolo.

«Il periodo massimo di prescrizione per i farmaci analgesici contenenti tramadolo (orale) è ridotto da 12 mesi a 3 mesi, per limitare il loro uso improprio e i rischi di dipendenza. Sarà applicabile dal 15 aprile 2020. Dopo 3 mesi, il trattamento continuato con tramadolo (orale) richiederà una nuova prescrizione». È quanto stabilito dall’Agenzia del farmaco francese (Ansm) in merito all’uso di medicinali a base di tramadolo.

«Questa misura – puntualizza l’Agenzia – deriva in particolare dalle lezioni emerse dall’attuale stato dell’arte sul consumo di oppioidi e dalla tabella di marcia 2019-2022 pubblicata dal Ministero della sanità “Prevenire e agire di fronte alle overdose da oppiacei». Nell’occasione l’Ansm ha divulgato una serie di informazioni destinate agli operatori sanitari. Tra queste, «chiediamo agli operatori sanitari di rimanere vigili quando prescrivono o dispensano farmaci contenenti tramadolo». Il tramadolo infatti «è indicato solo per il trattamento del dolore da moderato a grave, ma non deve essere prescritto per il trattamento dell’emicrania».

Un ulteriore avviso riguarda l’abuso di tale farmaco: «Per limitare il rischio di dipendenza, dovrebbe essere prescritto per il minor tempo possibile», e «per evitare la sindrome da astinenza, il dosaggio deve essere ridotto gradualmente prima di interrompere il trattamento». In aggiunta, «deve essere consegnato nella confezione più piccola possibile, adattato alla prescrizione».

Non è la prima volta che il tramadolo subisce delle restrizioni nell’utilizzo in seguito alla messa in commercio. Nell’aprile del 2017, la Fda, organismo di vigilanza degli Usa su cibo e farmaci, aveva vietato l’impiego di medicinali a base di codeina e tramadolo per le terapie destinate a bambini. «Si tratta – aveva spiegato l’agenzia americana – di farmaci che presentano seri rischi, inclusi possibili difficoltà respiratorie se non la morte per i bambini di età inferiore ai 12 anni. Per questo i prodotti a base unicamente di codeina, nonché tutti quelli che contengono tramadolo, sono autorizzati solamente per gli adulti.

È inoltre sconsigliato l’utilizzo nelle donne che allattano, a causa di possibili reazioni avverse nei lattanti».

© Riproduzione riservata

Autore: Farmacisti al Lavoro

Il blog per i farmacisti che non si accontentano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *