Esami di stato farmacisti, slittano le date per la prova finale

La Fofi rende note le nuove date e le modalità per la sessione estiva degli esami di abilitazione alla professione di farmacista.

Alla luce delle disposizioni relative al contenimento dell’espansione dell’epidemia da covid-19 la Federazione degli ordini dei farmacisti italiani (Fofi) ha reso note le date della sessione abilitativa alla professione di farmacista. Più nel dettaglio, la Fofi rende noto che «la data della sessione degli esami di abilitazione alla professione di farmacista è differita dal 16 giugno al 16 luglio 2020. Conseguentemente, il termine per la presentazione della domanda di ammissione alla anzidetta sessione d’esame è differito dal 22 maggio al 22 giugno 2020».

Un’ulteriore integrazione riguarda i tirocini curricolari. La Fofi evidenzia in proposito che «il DM prevede che le relative attività possano essere espletate anche in modalità a distanza». In aggiunta a ciò «il tirocinio professionale, anche nello svolgimento con modalità a distanza, dovrà in ogni caso perseguire gli obiettivi e le finalità previsti negli accordi eventualmente stipulati tra gli Atenei e gli Ordini territoriali e comunque nel rispetto di quanto previsto dal DM 1135 dell’11 dicembre 2019, recante le linee guida sull’organizzazione e il riconoscimento dei tirocini professionali».

Per questo motivo, evidenzia la Fofi «in accoglimento della proposta formulata da questa Federazione al MUR, a decorrere dal 4 maggio p.v., i tirocini curriculari potranno essere svolti in presenza ovvero a distanza». Infine, con riferimento all’art. 50 del D.Lgs. 206/2007, la Fofi rende noto che «il suddetto tirocinio curriculare può essere svolto sia nelle farmacie di comunità che in quelle ospedaliere, ciascun titolare o direttore di farmacia pubblica e/o privata e ciascun direttore di farmacia ospedaliera, in base alle caratteristiche organizzative della propria struttura, nonché alle condizioni che possano assicurare il rispetto delle disposizioni adottate dalle competenti Autorità in materia di sicurezza e distanziamento sociale, effettuerà le necessarie valutazioni sulla possibilità di svolgere le attività formative connesse con il tirocinio, in presenza ovvero con modalità a distanza».

Ciò «fermo restando – conclude la Fofi – quanto stabilito negli accordi eventualmente stipulati tra gli Atenei e gli Ordini a livello territoriale, si fa riserva di fornire indicazioni di massima che garantiscano lo svolgimento dei tirocini curriculari in modalità a distanza, coerentemente con quanto stabilito dalle vigenti disposizioni».

© Riproduzione riservata

Autore: Farmacisti al Lavoro

Il blog per i farmacisti che non si accontentano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *